Log in

#Robin Hood in versione canterina al Teatro Nuovo

ROBIN HOOD

tratto da Robin Hood di Alexandre Dumas
 
musiche: Beppe Dati
regia: Mauro Simone
adattamento: Beppe Dati
coreografo: Gillian Bruce
scene: Roberto Crea
costumi: Fabio Cicolani, Monica Mulazzani, Silvia Cerpolini
con Manuel Fattini (Robin Hood), Fatima Trotta (Lady Marion), Gabriele Foschini (Principe Giovanni), Mauro Semeraro (Frà Tuck), Giulio Benvenuti (Little John), Andrea Verzicco (Sir Snake), Federica Celio (Lady Belt), Elena Barani, Arianna Bertelli, Paolo Cifieri, Federico Colonnelli, Pierluigi Lima, Luca Laconi, Martina Maiorino, Pietro Mattarelli, Silvia Ricco, Tiziano Russo, Lucrezia Stopponi
luci: Dario Vastarella
suono: Luigi Di Martino
video: Mariano Soria
presso Teatro Nuovo
Giudizio complessivo:
Impegno:

La scena del Teatro Nuovo di Milano fino al 15 aprile si trasforma nella Foresta di Sherwood.

Il romanzo di Dumas, torna a rivivere in chiave di commedia musicale, tenendo fede alla trama originale. La nuova versione dello spettacolo di Beppe Dati vede come protagonisti Robin, il ladro gentiluomo che insieme alla sua banda di simpatici ribelli ruba ai ricchi per dare ai poveri, la lotta contro il principe usurpatore Giuseppe Senzaterra e l'amore per la giovane Lady Marion.


 

Parlando della figura di Robin Hood, il regista Mauro Simone dice:

Da un eroe ci si aspetta sempre un super potere, una qualità sovrannaturale, un qualcosa che improvvisamente possa accadere per salvare tutti e far tornare il sorriso.

Robin Hood è un supereroe alternativo, non ha super poteri, ma ha dei poteri che conquistano il mondo: coraggio, generosità e determinazione.

Sono questi tre valori che ci permettono di amare Robin e di sentirlo più umano è vicino a noi. Tre valori che aprono una visione ancora più ampia della vita.

Abbiamo spesso paura di perdere, e Robin nella sua storia ha perso tutto: le sue terre, la sua famiglia, suo padre, ma non si abbatte e con coraggio inizia a riprendere in mano la sua esistenza, e con grande determinazione affronta ogni giorno le difficoltà, senza chiudersi, ma condividendo con amore vive insieme alla gente con generosità.

Spettacolo adatto a grandi e bambini con recitati e liriche buffi e coinvolgenti, interpretati con un pizzico di sapiente umorismo. Di sicuro effetto inoltre le proiezioni tridimensionali che animano il fondale video della scena.

Il coreografo dello spettacolo non ha bisogno di presentazioni. A proposito dello spettacolo afferma:

L’epoca medioevale, l’era di re, regine, soldati dame e i loro costumi, l’Inghilterra, la storia e le musiche di Beppe Dati danno già un input preciso di movenze e stile di danza. 

Essendo di origini inglesi, dentro di me vive e ribolle nel sangue tutta la storia della mia terra, e sin da piccola ho sempre vissuto con il racconto e la leggenda del mitico eroe Robin Hood. 

Ogni numero musicale per me è stato grande fonte di ispirazione in totale fusione con la regia, perché per me il racconto è fondamentale e la danza deve raccontare. 

Con la danza amo raccontare non solo la storia ma anche i luoghi, come ho fatto con “Ci vorrebbero eroi” in cui danza e recitazione si fondono amabilmente, passando dal castello, al salotto delle dame o alla foresta di Sherwood.

Bravi tutti gli artisti, dall'arcinoto Manuel Fratini, alla rivelazione Fatima Trotta, passando per gli interpreti che hanno impersonato Frà Tuck, Giovanni, lo Sceriffo di Nottingham e la damigella di Lady Marion.

ACQUISTA SUBITO IL BIGLIETTO

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Lascia un commento