Log in

#Champions League. Lo strapotere dei blancos

Il match, che per i primi 10 minuti è stato piuttosto sterile anche se con ritmi elevati, comincia ad incattivirsi a partire dal primo quarto d’ora nel momento in cui Cristiano Ronaldo spara alle stelle la prima vera occasione da rete. Ben 7 minuti dopo è il Liverpool che si fa sotto con Alexander Arnold con un tiro che Navas riesce a bloccare senza problemi. Subito dopo questo episodio abbiamo un evento chiave della partita. Sergio Ramos frana su Salah che, dolorante, è costretto ad uscire in lacrime qualche minuto dopo. L’egiziano non è l’unico ad abbandonare il campo. A seguito di un problema muscolare, anche Dani Carvajal è costretto ad uscire lasciando il posto a Nacho. Al 42° minuto stavolta CR7 riesce a centrare la porta con un colpo di testa che, a seguito della respinta di Karius, Benzema mette in rete. Peccato che il francese era in fuorigioco. Giusto la segnalazione dell’assistente.i

All’inizio del secondo tempo comincia l’assedio Real. Seppur il Liverpool cercasse di fare attenzione nelle retrovie, è nei primi minuti della ripresa che Isco si trova a tu per tu con il portiere e, con un piatto di misura, colpisce in pieno la traversa. Passano pochi minuti e Karius compie la frittata. Mentre il portiere rimette la palla in gioco, Benzema rimane in agguato e riesce ad intercettare la palla che finisce in rete nell’incredulità del pubblico (ed anche del portiere stesso!).
Ma gli inglesi non perdono le speranze. Su calcio d’angolo, al minuto 55, Lovren colpisce di testa verso la porta dove si trova Mané che, con un preciso tap-in, riesce a spingere la palla in rete. 1-1 e palla al centro. 

I blancos però, a seguito dell’uscita di Isco, riescono a sfruttare l’arma in più che avevano lasciato in panchina nel primo tempo. Il nome di quest’arma è Gareth Bale. Cross perfetto di Marcelo e rovesciata di Bale, palla in rete. Ma Mané non sembra arrendersi al risultato e, verso il 68°, con un tiro rasoterra da fuori aria la palla si stampa sul palo pareggiando così i conti dei legni colpiti. È all’83° però che Gareth Bale, nuovamente con la complicità di Karius, infligge il colpo finale agli inglesi. Tiro da lontano molto potente che “buca” le mani al portiere. Una serata da dimenticare per il numero uno tedesco.

Questa partita, oltre a consegnare il verdetto finale della competizione europea, ci permette di porci una domanda. Gareth Bale: sarà lui il prossimo candidato al pallone d’oro?

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Lascia un commento