Log in

#Paese che vai, buone maniere (a tavola) che trovi

Non sempre quando si viaggia si conoscono le buone maniere a tavola dei vari paesi. Ecco quindi una selezione delle più interessanti da ricordare e a cui fare attenzione.

Non sempre quando si viaggia si conoscono le buone maniere a tavola dei vari paesi. Ecco quindi una selezione delle più interessanti da ricordare e a cui fare attenzione.

In Francia

Una delle cose che più infastidiscono i commensali francesi, almeno quelli più ligi al galateo a tavola, è non tenere le mani ben in vista sul tavolo. In generale si deve mangiare con le braccia (ma non i gomiti) sul tavolo senza mai appoggiare le mani sul grembo. E se state gustando una deliziosa baguette durante il vostro pasto, non appoggiate mai il pane sul vostro piatto ma sempre a lato: in Francia il pane è utilizzato per aiutarsi a mangiare e quindi come le altre posate va affiancato al piatto.


In Spagna

Gli spagnoli, come si sa, sono un popolo piuttosto rilassato quindi anche il loro approccio all'etichetta non è mai troppo rigido. Evitate però di proporre pranzi e cene a orari troppo anticipati: solitamente si pranza dopo le 14 e si cena dopo le 22, tentare di anticipare per adeguarsi ai nostri ritmi può mettere qualcuno in imbarazzo. Sempre per rispetto, i pasti devono essere consumati senza affrettarsi.

 

In Sudamerica

Il Sudamerica è un continente vasto e costituito da diversi Paesi, quindi è difficile trovare una guida unitaria al galateo a tavola. Di certo ogni nazione sudamericana ha le sue peculiarità. In Cile, per esempio, è vietatissimo mangiare con le mani. In Argentina e Bolivia bisogna sempre versare il vino con la mano destra e tenendo la bottiglia a metà altezza, mai sul fondo. Sicuramente una cosa di cui non dovrete preoccuparvi è la puntualità: è tollerato arrivare con 15-30 min di ritardo.

 

In Australia

In Australia non è ben visto scambiare forchetta e coltello fra la mano destra e sinistra durante il pasto: la forchetta rimane nella sinistra e il coltello nella destra. Se volete recarvi in un ristorante gourmet è necessario prenotare (e non disdire!), ma se invece la vostra destinazione è un luogo casual non stupitevi se vi fanno accomodare in un tavolo condiviso.

Oltre all’Italia il servizio di TheFork, sito e app per Android e iOS che permette di prenotare online in migliaia di ristoranti, è disponibile in molti Paesi d’Europa e del mondo con più di 60.000 indirizzi: Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio, Svizzera, Olanda, Danimarca, Svezia, Australia e Sudamerica (Argentina, Brasile, Messico, Colombia, Cile, Uruguay, Panama e Perù).

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!