Log in

#Storytel: se ascolti è un'altra storia

In questi giorni la svedese Storytel ha spento la sua prima candelina italiana e per festeggiare ha lanciato un progetto di comunicazione che ha al centro l’importanza dell’ascolto.    

Da venerdì 12 a mercoledì 17 lugliodalle 10 alle 20 (il 12 e il 13 fino alle 22), sarà aperta a tutti, visitatori, appassionati, curiosi e ascoltatori, Storytel Galleryuna grande installazione in Piazza XXV Aprile a Milano. In questa esposizione interattiva, audiolibri e podcast scelti nel catalogo Storytel daranno voce ad alcuni oggetti, simboli dei temi caldi del panorama sociale contemporaneo. Da Uomini che odiano le donne a Manuale per ragazze rivoluzionarie, dal Kamasutra M. Il figlio del secoloreduce dalla vittoria del Premio Strega 2019 e disponibile in esclusiva su Storytel con la voce di Raffaele Farina: per ogni oggetto un nuovo significato e una nuova opportunità, quella di raccontarsi e raccontare una nuova storia.






Un pezzo di una barca impiegata nell’immigrazione clandestina associato all’ascolto di Furore di John Steinbeck (Bompiani) può raccontarci la storia di che cosa significhi essere un migrante oggi; un presunto vestito di una vittima di violenza può raccontare le conseguenze della misoginia, attraverso le parole di Stieg Larsson in Uomini che odiano le donne (Marsilio); una torta nuziale starà invece a rappresentare il tema dell’infedeltà, ritratto dalle parole di Marco Missiroli nel suo Fedeltà (Einaudi); una mazza proveniente da un corteo di estrema destra parlerà invece del riemergere di pezzi di storia tornati attuali, e lo farà con Antonio Scurati e il suo M. Il figlio del secolo (Bompiani); una copia di un Pallone d’oro e il podcast Pallone Criminale di Gianluca Ferraris (Storytel) spiegheranno le truffe sportive; uno specchio rifletterà l’ansia sociale trattata da Daria Bignardi in Storia della mia ansia (Mondadori); un assorbente esterno racconterà il female empowerment attraverso le parole di Giulia Blasi in Manuale per ragazze rivoluzionarie (Rizzoli); Canapa: Una Storia Incredibile di Matteo Gracis (Chinaski Edizioni) e una piantina di canapa introdurranno la questione della legalizzazione delle droghe leggere; un cappello “MAGA” (Make America Great Again) richiamerà i problemi dell’America di Trump, commentati dalle parole di Francesco Costa in Cosa è stata fin qui l’America di Trump, uno degli episodi del podcast Da Costa a Costa; infine, un dildo e il Kamasutra a evocare il tema dell’erotismo.


Perché ascoltare è anche e soprattutto un modo per re-imparare a dare la giusta attenzione alle opinioni e alle argomentazioni diverse dalle nostre. Una storia, quando viene raccontata, non è mai solo una sequenza di parole, ma una narrazione in grado di farci vedere mondi nuovi e, spesso, di arricchirci di conoscenza: è questo messaggio che Storytel Gallery vuole lanciare.

Appuntamento in Piazza XXV Aprile, dal 12 al 17 luglio.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Seguite No#News Magazine sui social!