Log in

#Buitoni Bella Napoli: da Benevento alla conquista del mondo

Varcare i confini nazionali grazie a un polo produttivo internazionale che adotta le migliori tecnologie disponibili. Un rinnovamento radicale delle linee che fa dello stabilimento campano un’eccellenza in grado di valorizzare la qualità e il saper fare autenticamente italiano.

Ingredienti semplici e naturali, gli stessi che si utilizzano nella propria cucina. Un impasto soffice e ben aerato, ispirato alla tradizione napoletana e lievitato lentamente per ben 22 ore. Croccante alla base e con un cornicione pronunciato come prevede la cultura partenopea. Tutto questo è la nuova pizza Bella Napoli, nata oltre vent’anni fa e da sempre preparata con sapienza e passione nella storica fabbrica di Benevento dove la centenaria esperienza di Buitoni si fonde alla vocazione campana, culla del prodotto ambasciatore del Made in Italy nel Mondo.


Ed è proprio il particolare processo produttivo, accanto alle materie prime selezionate, la caratteristica vincente della gamma Bella Napoli che, oltre alla Margherita – la più venduta nella Penisola – si compone di altre varianti. Un processo produttivo che impiega le più sofisticate e innovative tecnologie oggi disponibili trasformando l’impianto di Benevento nel primo polo di eccellenza del Sud Italia nella produzione della pizza surgelata che, dal territorio sannita, si appresta a varcare i confini nazionali alla conquista in questa prima fase dell’Europa, dove è presente in 6 Paesi, e successivamente del resto del Mondo.






Grazie a un piano di rilancio e sviluppo e ad importanti investimenti per oltre 50 milioni di Euro, con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico – attraverso Invitalia – e di Regione Campania, l’obiettivo è trasformare il sito produttivo in un Hub internazionale. Vero e proprio progetto di industria 4.0 il rinnovamento radicale riguarda tutte le aree e fasi: dalla progettazione ai macchinari all’innovazione di prodotto sulle quali ha lavorato un team internazionale di 20 persone, tra tecnici e esperti. Tre linee di ultima generazione, tre nuovi magazzini, un nuovo layout lineare per uno stabilimento – di estensione pari a più di 20 campi di calcio - in grado di restituire fino a 350 pizze al minuto.

Stefano Bolognese, Business Executive Officer Buitoni Culinary Italia sottolinea

La nostra ambizioneè quella di fare della fabbrica campana un’eccellenza in grado di portare all’estero nuovi prodotti e valorizzare sempre di più la qualità e il saper fare autenticamente italiano.Il connubio tra tecnologia, competenze e conoscenze possono andare di pari passo, la nostra cultura agroalimentare e i processi industriali avanzati possono alimentarsi a vicenda: tecnologia dunque e migliori risorse a favore di una diffusione sempre più capillare del buon cibo italiano del quale la pizza è simbolo nel Mondo

 

Giuseppe Esposito, Responsabile Ricerca e Sviluppo Stabilimento Benevento sostiene 

Ambasciatrice del progettoè la nuova Bella Napoli sintesi perfetta di tradizione napoletana - dalla qualità delle materie alla lievitazione lenta – che si coniuga con processi di produzione e conservazione di altissima tecnologia che garantiscono tanto le caratteristiche organolettiche della pizza appena sfornata quanto la massima igiene e sicurezza. Il segreto della sua bontà è legato a doppio filo con le fasi del processo industrializzato che simula in tutto e per tutto quello artigianale. Come nel caso del Robot Spargisugo, innovazione unica nel panorama europeo che, grazie a un braccio meccanico e a un sistema di visione ottica, calcola esattamente il centro del disco di pasta e con un movimento rotatorio, che si ispira al gesto del pizzaiolo distribuisce uniformemente il pomodoro”.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!