Log in

#Se hai qualcuno cui offrire il proprio amore la realtà non arriva mai a sembrare di legno

UN ALBERO AL CONTRARIO

autore: Elisa Luvarà
editore: Rizzoli Libri
genere: Narrativa
anno: 2017
lunghezza di stampa: 319 pagine
ISBN: 978-88-170-9359-0

728x90 set2

“Uno scricchiolio mi fece alzare la testa. Seduta dall’altro lato della stanza c’era una signora. La donna si teneva una mano all’altezza dello stomaco e con l’altra muoveva avanti e indietro una carrozzina, guardandoci dentro con aria malinconia.

Ne avevo viste tante, lì al secondo piano, di donne come lei. La stessa espressione triste, gli stessi vestiti sciatti. La maggior parte passeggiava dentro la sala d’attesa trascinandosi dietro borse o piccole valigie, certe mormoravano frasi a voce bassa, come se pregassero.

Lasciai vagare lo sguardo oltre i pannelli di vetro della porta e vidi me stessa bambina, rigida ed imbronciata in una gonnellina scozzese, seguire la mia assistente sociale fino alla stanza nota come Spazio Neutro. Mi capitava spesso di cogliere brandelli di conversazioni che si svolgevano oltre le porte bianche che costellavano il corridoio e, anche se nella maggior parte dei casi non comprendevo quello che sentivo, avevo sempre la sensazione che in quegli uffici stessero accadendo delle cose brutte … sentivo sollevarsi pigolii lamentosi e mugolii di pianto che echeggiavano strazianti nel mio cuore”.

Ci sono libri che letti vengono riposti in uno scaffale della libreria e li lasciati senza trovare mai la voglia di disfarcene perché chissà magari un giorno lo vorrei rileggere; altri che finiti di leggere prendono la strada del mercatino dell’usato; e poi ci sono loro, quei libri che qualsiasi strada prendono restano sempre con noi.

Ci seguono come ombre, ci camminano a fianco come amiche, si assopiscono dentro di noi come ricordi indelebili.

Un albero al contrario è uno di questi libri. E come dice l’autrice “anche senza radici si può trovare la forza di crescere”.

Può la vita di una bambina di 11 anni essere contenuta in 2 sacchi di plastica? Quella di Elisa lo è il giorno che si presenta alla comunità. La Signora Tilde svuoterà quei 2 sacchi e sistemerà il loro contenuto nell’armadio della sua nuova stanza dove dormirà Elisa. E non sistemerà solo i sacchi pieni di vestiti, accessori e libri, ma grazie alla sua speciale cioccolata calda anche il suo pessimo umore. Inizia così la sua “nuova” vita.

Si svuoterà il suo armadio e si riempirà di altri vestiti, e il suo cuore si svuoterà e si riempirà di nuovi affetti.

Questo libro merita di essere letto qualunque età si ha poiché questo libro è come un albero, cresce dentro di noi man mano che passano i giorni, allunga le radici, irrobustisce il fusto, innalza i rami si riempi di gemme e poi all’improvviso esplode in un’infinità di fiori multicolori.

Un libro che sfata tanti luoghi comuni.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Lascia un commento