Log in

#Edoardo è la final Future Legend della musica italiana

Membro della squadra pop con il coach Irama, Edoardo ha superato tutte le fasi del concorso convincendo il pubblico con i suoi testi, la sua voce e il suo incontenibile entusiasmo. I suoi brani “Parlami”, “Non sei tu” e “Senza di te”, arrangiati con l’aiuto del coach e del produttore Giulio Nenna, hanno già migliaia di ascolti su Spotify.

“Essere la Final Future Legend by Coca-Cola mi riempie di orgoglio. – ha dichiarato Edoardo – Sono felice di essere riuscito a comunicare al pubblico le emozioni che vivo attraverso la musica. Questo è sempre stato il mio obiettivo principale e ringrazio Coca-Cola per avermi dato questa incredibile opportunità”. 

Partito da autodidatta suonando la chitarra in cameretta sin dall’età di sei anni, oggi il sogno di Edoardo di far ascoltare la sua musica a un pubblico più vasto è diventato realtà. Durante il percorso di Future Legend ha avuto modo di esibirsi e riscuotere successo su alcuni dei più prestigiosi palchi estivi, come il Gru Village e Battiti Live. Ora, grazie alla sua vittoria, avrà la possibilità di realizzare il video del suo ultimo brano grazie al quale ha vinto, e di esibirsi live nel corso della serata di Capodanno su Canale 5, per iniziare il nuovo anno facendo ciò che più ama fare: cantare.






“Abbiamo lavorato con determinazione partendo da zero. Il merito non è solo mio e di Edoardo ma anche di tutto il mio team artistico. Sono molto orgoglioso della vittoria, Edoardo è cresciuto nel corso di questa esperienza con Coca-Cola e sono sicuro che ora è pronto per il grande pubblico” ha dichiarato il suo Coach Irama.

All’interno del Coke Studio allestito presso il Massive Arts Studios di Milano, Edoardo e gli altri concorrenti hanno potuto sperimentare tutte le fasi di una vera produzione discografica, confrontandosi con i rispettivi Coach e i loro producer, sviluppando i brani, provandoli e migliorandoli fino al momento dell’incisione e della post produzione. Inoltre, in alcune occasioni, hanno potuto incontrare i loro giovani fan, grazie ai momenti organizzati da Coca-Cola tra il pubblico e le nuove promesse della musica in gara.

“Coca-Cola Future Legend ha permesso ai giovani di diventare protagonisti della musica di domani. Siamo orgogliosi di aver dato la possibilità a 12 artisti emergenti di farsi conoscere e al pubblico di ascoltarli, incontrarli e votarli attraverso le lattine di Coca-Cola. – afferma Giuliana Mantovano, Marketing Director Coca-Cola Italia – Il pubblico ha scelto il vincitore della prima music battle in lattina firmata Coca-Cola: ci congratuliamo con Edoardo e ringraziamo tutti gli altri ragazzi, per l’entusiasmo e il talento che hanno scelto di condividere con noi in questi mesi!”.

Partiti in 12 a febbraio e suddivisi nelle 4 squadre guidate dai coach Irama, Emis Killa, Annalisa e Charlie Charles, i talenti in gara hanno superato nel corso dei mesi tre fasi di selezione che hanno portato a settembre alla rosa dei 4 finalisti: Edoardo per la squadra del pop, True Skill per quella del rap, Mikesueg per il soul e JBarton per la trap.

In ogni fase della gara, il pubblico è stato protagonista intervenendo nella scelta di chi far avanzare nella competizione, votando e ascoltando i brani dei talenti attraverso il QR code riportato sulle lattine e bottigliette, partecipando inoltre all’estrazione di tanti premi esclusivi a tema musicale.

Radio 105 è stata partner dell’operazione seguendo lo sviluppo della prima music battle in lattina by Coca-Cola attraverso una costante attività, offrendo a tutti i partecipanti la possibilità di essere ascoltati da un pubblico ancora più numeroso e di esibirsi dal vivo in occasione dei grandi eventi dell’estate.

Seguite No#News Magazine sui social!

   

Juri Signorini

Viaggiatore iperattivo, tenta di sempre di confondersi con la popolazione indigena.

Amante della lettura, legge un pò di tutto. Dai cupi autori russi, passando per i libertini francesi, attraverso i pessimisti tedeschi, per arrivare ai sofferenti per amore, inglesi. Tra gli scrittori moderni tra i preferiti spiccano Roddy Doyle, Nick Hornby e Francesco Muzzopappa.

Melomane vecchio stampo: è chiamato il fondamentalista del Loggione. Ama il dramma verdiano così come le atmosfere oniriche di Wagner.

L'opera preferita tuttavia è la Tosca, la quale si narra, ma non vi sono prove certe, lo abbia commosso fino alle lacrime...

SOCIAL PROFILES