Log in

Bernadette Hanna

Bernadette Hanna

Scandisco le mie giornate seguendo le rassegne tematiche e retrospettive dedicate ai protagonisti della settima arte della Fondazione Cineteca Italiana (al Museo Interattivo del Cinema di Milano soprattutto).

Sono nata e cresciuta a Milano, vivo con le mie sorelle e i miei genitori (emigrati dall'Egitto negli anni Ottanta): non ho mai smesso di interessarmi alle mie origini, appartengo in egual misura alla cultura araba e a quella occidentale, talvolta così simili, talvolta così distanti...

Le mie passioni sono i film e la scrittura, che ho coniugato iniziando a rilasciare delle recensioni online, fatto che, unito alla mia curiosità e a un rivelatore corso di giornalismo sportivo, mi ha portata a scegliere per il mio futuro la professione giornalistica: senza sosta, fuori o dentro Internet.

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

#“Venezuela, la maledizione del petrolio”

Su tutta la Terra, la più grande riserva di petrolio è nel Venezuela. Negli anni Sessanta, il PIL venezuelano raggiungeva quello statunitense. Prima del 1976, anno della nazionalizzazione del petrolio, e prima del calo incontenibile del greggio nel 1980, il Venezuela era il paese più ricco dell’America latina. Oggi, la contrazione economica di cui è succube a causa di decenni di assenteismo politico genera un’inflazione così alta che potrebbe raggiungere le quattro milioni percentuali, portandolo ad affrontare la più grave crisi umanitaria del terzo millennio dopo quella siriana.

  • Pubblicato in cinema

#Il motore gira a vuoto: Alice e Paul alla fine di un ciclo

Lei è giovanissima, ha una laurea in Lettere e Filosofia, e ha vissuto in Europa. Un giorno si trasferisce a Lione, dove ottiene un posto di lavoro nel dipartimento di Futurologia del Comune della città, per ricoprire un incarico bizzarro: produrre idee per il sindaco.

  • Pubblicato in cinema

#Siamo gli stessi che eravamo e che saremo

Dolore, sofferenza, morte. Chiunque pensi alla vita singolare della grande pittrice messicana Frida Kahlo assocerebbe le sue opere a queste tre costanti dell'esistenza umana, in primo luogo perché fu una donna che patì infernali malesseri sin dall'infanzia.

  • Pubblicato in cinema
Sottoscrivi questo feed RSS