Log in

#A Land Imagined. Il pardo d'oro fatto di sogni e denunce

A LAND IMAGINED 

regia: Yeo Siew Hua
fotografia: Hideho Urata
sceneggiatura: Yeo Siew Hua
montaggio: Daniel Hui
musiche: Wei Yong Teo
cast: Peter Yu, Jack Tan, Luna Kwok, Kelvin Ho
 
anno: 2018
nazione: Singapore
genere: drammatico
data uscita in Italia: N.D.
durata: 95 min
giudizio complessivo: 
impegno: 

Vincitore del Pardo d'oro al festival di Locarno e presentato in anteprima durante la rassegna “Le vie del cinema” in questi giorni attiva a Milano, A Land Imagined è il secondo film del regista singaporiano Yeo Siew Hua.

 Wang, un solitario operaio edile proveniente dalla Cina, stringe un’amicizia virtuale con un misterioso giocatore, ma dopo un po’ scompare nei pressi di un’area di recupero a Singapore. Lok, un detective della polizia, si mette sulle sue tracce.

Onirismo e impegno politico. A Land Imagined non è il giallo asiatico che ti aspetti. Ma attenzione, perché bollare il secondo lungometraggio di Yeo Siew Hua come prodotto profondamente originale e autentico sarebbe un errore. In debito con il primo Wong Kar-wai e con Lynch, ma anche con Noè e Refn, il singaporiano può per lo meno guardare il mondo del cinema e parlare dal suo interno, facendosi portatore di una nazione (città-stato), dicendo: “ci siamo anche noi!”.

Esserci e vincere a Locarno, raccontando un mondo “altro”, onirico anche lasciando perdere i sogni e le visioni, i neon e i viaggi spirituali nelle dimensioni video-ludiche.

Tanto, forse troppo si muove all'interno della pellicola di Yeo Siew Hua, quasi un guazzabuglio di temi difficilissimi da isolare dal contesto generale. La via da seguire in A Land Imagined è l'assoluta adesione onirica alle vicende che non richiedono grandi spiegazioni. Una matassa ingarbugliata che non va slegata, ma colta nel suo chiasso e nel suo clima dispersivo come in uno strano sogno. Eppure, quella strada scorretta e scomoda dell'interpretazione dobbiamo provare comunque a percorrerla, dando soddisfazione alla nostra malattia tutta occidentale di unificazione, di ricerca di una matrice e di sistemazione a blocchi

Un operaio scompare nel nulla. Questo il primo filo che teniamo tra le mani, tirato fuori dal groviglio. Già qui si gioca tutta la dinamicità interna del film di Yeo Siew Hua, quasi come vero baricentro del profilmico. Scomparire in modalità misteriose è per un operaio immigrato a Singapore cosa non troppo assurda o onirica. Migliaia di operai accatastati in dormitori-topaie, bloccati dalle grandi industrie edilizie che per “sicurezza” trattengono passaporti e documenti, impedendo qualsivoglia tentativo di fuga o ammutinamento.

Eppure la scomparsa di Wang sconvolge la vita del poliziotto Lok, un altro ma lo stesso, per tenere buone e sotto mano le parole di Borges. Un altro e lo stesso che comincia a sognare e a rivivere le stesse vicende dell'uomo scomparso, entrando in uno strano mondo che ha come soglia d'ingresso una saletta per videogiocatori notturni.

La dimensione del gioco-sogno è il secondo filo rosso, decisamente più confuso, e fa da cornice alla dimensione di critica sociale sparata a cartucce dall'autore asiatico. Delle cuffie da gamer, un gdr online e un utente sconosciuto a fare da contro altare mistico e invisibile. Le bizzarrie di A Land Imagined si appiattiscono sulla complessa unità di luogo e tempo dell'azione che riconduce fatti accaduti in passato e “accadenti” in un unico piano immanete, slegato dalla scia del razionalismo ingenuo dell'agente Lok.

Risolvere il caso allora richiede l'abitare il caso stesso, con tutte le domande senza risposta che trattiene e le sue incongruenze. Perdersi spiritualmente tra le spire di un'esistenza complessa e multiforme, faccettata come un diamante e riflettente come uno specchio d'acqua. Per tuffarsi e toccare la mano tesa dall'altra parte è necessario un esercizio dell'alterità, che attorniato dalle atmosfere più stravaganti e oniriche, conduce ad un ballo dionisiaco e sfrenato.

Rileggere l'intera trama di A Land Imagined utilizzando la nietzschiana dicotomia apollineo-dionisiaco è certamente un esercizio intellettualoide estraneo alla natura della pellicola che, al contrario, fa giacere la propria forza, così come le proprie esuberanze esose e leziose, in un unicum fatto di immagini, suoni e forze corporee. Un polpettone certamente, ma mai noioso e con qualche pretesa importante. Al di là degli strafalcioni, il vero peccato sarebbe stato non premiarlo.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Luca Cardone

Appassionato di letteratura classica, divoratore di testi teatrali e immancabilmente cinefilo nel midollo.

Follemente innamorato dello scrittore austriaco Thomas Bernhard.

Consacra la sua vita accademica alla filosofia, amalgamando gli antichi studi libreschi con la materia del cinema.

Aspirante scrittore con il sogno nel cassetto della regia; non è insolito sentirgli dire: dopo Tarkovskij se proprio c'è qualcuno quello è Dio.

Social Profiles

Lascia un commento