Log in

#Il Sole a Mezzanotte: una Raperonzolo moderna

IL SOLE A MEZZANOTTE

regia: Scott Speer
soggetto: Trish Cook
fotografia: Karsten Gopinath 
sceneggiatura: Eric Kirsten
montaggio: Tia Nolan, Michelle Harrison
musiche: Zach Sinick
cast: Bella Thorne, Patrick Schwarznegger, Rob Riggle, Quinn Shepard, Suleka Mathew, Tiera Skovbye, Paul McGillion
 
anno: 2018
nazione: Stati Uniti
produzione: Boies/Schiller Film Group, Rickard Pictures
distribuzione: Eagle Pictures
genere: romantico
data uscita in Italia: 22 marzo 2018
durata:  min
giudizio complessivo: 
impegno: 

Dopo Colpa delle Stelle, Io prima di te e Noi Siamo Tutto, Il Sole a Mezzanotte è un’altra struggente storia d’amore adolescenziale che dimostra come le avversità della vita si possano superare meglio se si è in due a farlo. Il debutto al cinema è previsto per giovedì 22 marzo.

Katie è una diciasettenne costretta fin da piccola a vivere nel buio della sua abitazione a causa di una rara malattia alla pelle. Anche la minima esposizione ai raggi solari può essere letale e per questo motivo che rimane sempre confinata dietro le mura di casa. Il destino però ha grandi cose in servo per lei. Un giorno, infatti, Charlie, quel bambino che osservava da piccola tutti i giorni dalla finestra, busserà alla sua porta permettendole di conoscere l’amore in un modo del tutto speciale.

Il Sole a Mezzanotte è una storia d’amore folle, unica ed emozionante che cerca di far un po’ di luce su una malattia estremamente rara: lo xeroderma pigmentoso. Una patologia che colpisce in media una persona su un milione in Europa e negli Stati Uniti. Tratto dal film giapponese Song to the Sun, racconta in maniera abbastanza realistica cosa significa veramente essere isolati completamente dal mondo e dover guardare gli altri che vivono la loro vita e fanno esperienze. A rendere tutto ciò ancora più credibile sono le interpretazioni di Bella Thorne nel ruolo della protagonista e di Patrick Shwarzenegger in quello di Charlie.

Una storia che sa di favola. A detto dello stesso regista: “Subito, quando l’ho letta, l’ho percepita come una versione concreta e reale della storia di Cenerentola, con delle sfumature di Rapunzel. Katie è intrappolata nella sua stanza e non può uscire. Quando sorge il sole deve stare lì, deve usare una protezione UV speciale anche sulle finstre, il sole è come l’acqua e la sua casa è come una nave. Credo che a un certo punto della nostra vita ci siamo sentiti tutti così. Penso che tutti abbiamo guardato fuori dalla finestra in diversi momenti della nostra vita e ci siamo sentiti fuori dal mondo. Non possiamo entrare in contatto con il mondo esterno, fino a quando qualcuno non ci mette in contatto con esso.”

Uno degli aspetti più importanti di questo film è senz’altro la musica, non solo per quanto riguarda la colonna sonora, ma tutti i personaggi vengono caratterizzati a seconda delle canzoni. La vera Katie, quella più emotiva e sensibile, si esprime ed emerge solamente grazie alla chitarra. Ogni brano è stato creato e costruito appositamente per emozionare lo spettatore e per accompagnarlo lungo tutta la visione della pellicola.

Il Sole a Mezzanotte non è un film con grosse pretese e sicuramente non è una novità all’interno del genere. Ciò nonostante è una storia ben raccontata che se hai mai amato qualcuno nella tua vita sicuramente avrà un grosso impatto su di te.

Seguite la pagina Facebook di No#News per rimanere aggiornati su altri articoli e non dimenticate di condividere l'articolo!

Video

Lascia un commento